Precedente Scuole aperte a Montebelluna 2015-16 Successivo La formazione professionale in provincia di Treviso

2 commenti su “Quale lavoro? Una serata il 18 novembre a Montebelluna

  1. Alessandro Mazzero il said:

    Ieri sera ho partecipato alla serata informativa assieme a mia figlia che sta frequentando la terza media. Personalmente ritengo sia stata un’esperienza negativa. Anche mia figlia alla fine mi ha detto: “ma a chi stavano parlando, non si capiva niente … a parte l’imprenditore di Giavera e l’Apicoltore”.
    Il “taglio” dato è stato sbagliato … a chi volevano rivolgersi: ai genitori? … soprattutto i rappresentanti dell’ULSS, il veterinario e il medico … se volevano fare una lezione di anatomia potevano chiedere di andare a scuola … e poi le slide con la presentazione di tutta la struttura dell’ULSS … a ragazzi che devono scegliere la scuola superiore …
    Poi a quell’ora è difficile avere l’attenzione da parte degli adulti, figuriamoci dei ragazzi!

    Ritengo che il messaggioda dare ai nostri ragazzi che importante: essere curiosi, formarsi, la cultura, ecc. lo faccia benissimo la scuola con l’orientamento e poi con le “scuole aperte”.
    Mi spiace ma è stato un’evento inutile, in cui è in parte passato un messaggio del tipo “non ci sono orari .. si deve lavorare sempre: sabato, domenica, e potenzialmente h24”. E’ vero che il lavoro nobilita l’uomo … ma è altrettanto vero che non si può morire per il lavoro e noi Veneti dovremo essere attenti in questo particolare momento storico in cui la “crisi” ha portato molte persone a fare gesti estremi, di cui la Società dovrebbe analizzare di più e pensare a un futuro migliore proprio per le generazioni future .. i nostri figli.

    Distinti saluti
    Alessandro Mazzero

    • reteorizzonti il said:

      Io sono il webmaster e non il responsabile della serata, il prof. Miotto, che peraltro si fa in 4 per queste iniziative senza prendere un €…
      Ciò non toglie che Lei abbia ragione. Al tavolo dei relatori devono sedere persone non solo competenti (ovvio) ma anchecapaci di trasmettere e comunicare l’essenziale del tema, senza guardarsi l’ombelico, con un po’ di leggerezza e humour (spirava un’aria cupa in effetti, tipo è necessario morire sul campo di battaglia ecc. ecc.).
      Curiosamente, proprio l’altra sera c’è stata un’affluenza mai vista in queste serate, che si tengono da diversi anni. Peccato, perché negli ultimi 3 anni la Responsabile dell’Ufficio studi della Camera di Commercio di Treviso ha proposto dati e informazioni molto utili.
      Visiti la pagina linkata e troverà molti dati interessanti sull’economia e il lavoro della nostra zona.
      Cordiali saluti

      Danilo Bonora

I commenti sono chiusi.